Adriana Valerio, Aldo Pinto (a cura di)

Sant'Antoniello a Port'Alba 

Il Volume intende ricostruire la storia religiosa, socio-culturale ed economica del monastero napoletano di S. Antonio di Padova a Port’Alba, attraverso la descrizione della vita interna, dei ruoli delle protagoniste, delle dinamiche politiche delle famiglie aristocratiche sostenitrici dell’istituzione religiosa. Nel più ampio rapporto con il contesto urbano, particolare rilievo è stato dato all’aspetto storico-artistico: alle committenze delle opere d’arte, all’iconografia, agli aspetti architettonici e monumentali, il tutto con il supporto di un ricco apparato iconografico e fotografico. Lo studio intende offrire più chiavi di lettura e ha richiesto l’intervento di una molteplicità di competenze, che vanno da quella storica (Adriana Valerio) a quelle architettonica (Aldo Pinto), di storia dell’arte (Luciana Arbace) e di archeologia per la ricostruzione dell’originario sito sul quale il monastero si sarebbe in seguito sviluppato (Daniela Giampaola). Sono presenti anche due brevi saggi riguardanti gli elementi quattrocenteschi dei palazzi Gaetani e Pandone (Giuseppe Rago) e alcuni dipinti della chiesa (Ugo di Furia). La Fondazione P. Valerio per la Storia delle Donne, creata e sostenuta da Francesco Valerio e diretta da Adriana Valerio, è nata nel 2003 dall’esigenza di incentivare e sostenere gli studi relativi alla storia delle donne nei suoi molteplici e variegati aspetti, ritenendo che il soggetto femminile possa diventare un punto di osservazione privilegiato per ampliare lo sguardo sulle questioni nodali della odierna ricerca storica. In questi anni la Fondazione, grazie alla sponsorizzazione della Novafin Finacière S.A. di Ginevra, si è fatta promotrice di alcuni filoni di ricerca: Le Donne e i Luoghi della Memoria, Donne e Potere a Napoli, l’Archivio per la Storia delle Donne, La Bibbia e le Donne. Questi progetti, attraverso il sostegno dato a giovani ricercatori e ricercatrici, la realizzazione di seminari di studio e la stampa di pubblicazioni a carattere nazionale e internazionale, hanno dato vita ad ampliate possibilità di indagini e di analisi. Tra le pubblicazioni patrocinate dalla Fondazione Valerio: L’Archivio per la Storia delle Donne, I-II, Napoli 2004-2005; III, IV, V, Trapani 2006-2008; Espacios visibles. Espacios invisibles. Mujer y Memoria en la Salamanca del siglo XVI, a cura di Gloria Garcia e M. Luz De Prado, Salamanca 2006; Oficina del Historiador de la Habana, Habana es nombre de Mujer. Presencia Femenina en el Patrimonio Historico-Artistico Cubano, Barcellona 2007; Adriana Valerio, I Luoghi della Memoria. Istituti Religiosi Femminili a Napoli dal IV al XVI secolo, I, Napoli 2006; EAD, I Luoghi della Memoria. Istituti Religiosi Femminili a Napoli dal 1600 al 1861, II, Napoli 2007; EAD (a cura di), Donne Bibbia. Storia ed esegesi, Bologna 2006; Mario Gaglione, Donne e Potere a Napoli. Le sovrane angioine: consorti, vicarie e regnanti (1266-1442), Catanzaro 2009.